Tu sei qui:

Il bandolo della matassa

Vota questo articolo
(2 Voti)

Vorrei trovare il bandolo della matassa - "Se mi immagino in una macchina del tempo che mi riporta nelle situazioni in cui ho scoperto di vivere un disturbo da ansia e panico, riesco a riconoscere quali emozioni e quali sensazioni ho provato durante questa presa di coscienza?"

Il bandolo della matassa

Una Socia LIDAP scrive

"Leggendo questa frase, la prima cosa che mi viene in mente è che non mi serve LA MACCHINA DEL TEMPO. Le sensazioni, e soprattutto le emozioni, mi sono assolutamente chiare e mi accompagnano da quel momento e sono tutte emozioni negative. ......

Un Consulente risponde

Dott. Guglielmo Allocco

Psicologo, Psicoterapeuta, Presidente cooperativa TAM (TieniAMente) e consulente LIDAP

La visita inaspettata 

"...Vorrei davvero avere la macchina del tempo, ma per tornare molto indietro e trovare il bandolo della matassa, tirare quel filo e impedire che questa ombra oscura si avventi sul mio destino"

Sono le parole di M., per la precisione quelle con cui termina una lettera in cui descrive la sua esperienza di vita fatta di continui incontri con un disturbo che, a pronunciarlo, sembra quasi banalizzarsi da solo, ansia, e di furtive quanto angosciose danze con un personaggio che lei stessa definisce “oscuro” ......

 

clicca qui per l'intero articolo

 

 

Letto 1655 volte

3 commenti

Lascia un commento

Regolamento e note legali per l'utilizzo dei commenti
Prima di scrivere commenti è obbligatorio leggere attentamente i termini e le condizioni di utilizzo di seguito illustrate.
I commenti sono scritti sotto la totale ed esclusiva responsabilità dell'autore che, accettando i termini di utilizzo, solleva LIDAP Onlus da ogni tipo di responsabilità. La redazione si riserva il diritto insindacabile di cancellare o modificare i commenti. E' possibile segnalare eventuali abusi dalla pagina dei contatti. In caso di abusi LIDAP Onlus potrà fornire all'autorità competente i dati utili all'identificazione dell'autore del commento. La redazione potrà bloccare dal sito l'autore di commenti offensivi o comunque scritti in violazione del regolamento. Le principali regole relative ai commenti:
-il commento deve essere attinente all'argomento trattato dall'articolo;
-mai scrivere commenti ingiuriosi e offensivi rispetto a chiunque;
-moderare il linguaggio, evitare frasi e terminologie volgari, razziste o sessiste;
-usare il buon senso: non rispondere agli attacchi personali e a chi ha l'unico scopo di disturbare e creare litigi tra gli utenti (flamer e troll), rispondere significa solo alimentare il livello di rumore;
-evitare di puntualizzare eventuali errori di sintassi o battitura in un post;
-non inserire contenuti che siano diffamanti o violino le leggi italiane e internazionali;
-evitare di usare il maiuscolo;
-evitare attacchi alla redazione e agli altri lettori;
-non commentare la modifica o l'eliminazione dei commenti (per questo è possibile inviare una mail privata a webmaster@unina.it).
La redazione si impegna a seguire il più possibile ciò; che viene pubblicato e provvederà nel più breve tempo possibile alla cancellazione di commenti scritti in violazione del regolamento.
I messaggi esprimono esclusivamente il punto di vista dell'autore del messaggio stesso. Se l'utente trovasse offensivo un messaggio inserito nel sito, è invitato a contattarci immediatamente via e-mail (webmaster@lidap.it). Nel più breve tempo possibile provvederemo a controllare il messaggio e se necessario a modificarlo o rimuoverlo.
Attraverso l'utilizzo di questo servizio l’autore del commento accetta di non inserire alcun messaggio contenente materiale evidentemente falso e/o diffamatorio, abusivo, volgare, osceno, profano, ad orientamento sessuale, lesivo verso la privacy delle persone o in alcun modo in violazione alle leggi italiane e internazionali. L’autore del commento accetta inoltre di non inserire messaggi contenenti materiale protetto da Copyright di cui non detiene i diritti.