Tu sei qui:

Sono Socio Lidap

Vota questo articolo
(4 Voti)

Car@ tutt@,

mi soffermo con tutti voi dopo aver verificato il calo del numero di adesioni all’Associazione nell’ultimo anno e formulo questa richiesta “responsabilizzante” di rinnovare la vostra iscrizione alla Lidap

E’ scontato che essere Socio Lidap dà l’opportunità di partecipare al gruppo (oggi anche via-skype), di usufruire di agevolazioni per le terapie con i nostri consulenti e anche per altri servizi in convenzione, di disporre di un servizio di ascolto telefonico e più in generale di informazione attraverso vari canali. E’ pur vero che questi “privilegi” non sono mai stati negati ai non-Soci. Nessuno ha mai chiuso il telefono a chi non è in regola con l’iscrizione; non sarebbe conforme allo spirito dell’Associazione. Soci e non-Soci, spesso hanno avuto gli stessi vantaggi e le stesse opportunità.

Ma essere socio Lidap non è come fare un abbonamento ad un circolo, per cui al momento di pagare è opportuno chiedersi quali vantaggi procuri l’iscrizione o il rinnovo!

E’ inevitabile considerare che senza un Fondo Cassa, la Lidap si estinguerà.

Allora il problema dell’adesione formale, quella che si realizza attraverso il pagamento della quota annuale, deve assumere un altro significato.

Non il vantaggio esclusivo di me come singolo individuo, ma la mia volontà di tenere in vita un impegno, una voce che dà visibilità e riconoscimento ad un problema difficile, che di quel problema fa sì che si parli e che se ne parli in un certo modo e soprattutto portare avanti qualcosa che per me ha avuto un valore nei momenti di forte difficoltà, per permettere ad altri, che vivono le stesse cose che ho vissuto e superato, di poter fare lo stesso percorso associativo che ho fatto io.

“Sono socio Lidap non solo per partecipare al gruppo o per chiamare al telefono qualcuno con cui dividere la mia angoscia. Sono socio Lidap anche e soprattutto perché ci sia la Lidap”

E’ un’ottica diversa. Forse più difficile da adottare (che è quella dell’auto mutuo aiuto), perché ci si sposta dall’ottica individualistica a quella sempre più ampia del bisogno di essere rappresentato e rappresentativo: “voglio che un organismo, di cui faccio parte, viva, permettendomi di lavorare al suo interno o di delegargli funzioni che, affidate al singolo, perderebbero di risonanza e di efficacia, laddove non sarebbero addirittura impossibili”.

Io, la mia tessera per il 2017 l’ho già pagata. Con orgoglio, sinceramente.

Seby La Spina

Letto 1260 volte

1 commento

Lascia un commento

Regolamento e note legali per l'utilizzo dei commenti
Prima di scrivere commenti è obbligatorio leggere attentamente i termini e le condizioni di utilizzo di seguito illustrate.
I commenti sono scritti sotto la totale ed esclusiva responsabilità dell'autore che, accettando i termini di utilizzo, solleva LIDAP Onlus da ogni tipo di responsabilità. La redazione si riserva il diritto insindacabile di cancellare o modificare i commenti. E' possibile segnalare eventuali abusi dalla pagina dei contatti. In caso di abusi LIDAP Onlus potrà fornire all'autorità competente i dati utili all'identificazione dell'autore del commento. La redazione potrà bloccare dal sito l'autore di commenti offensivi o comunque scritti in violazione del regolamento. Le principali regole relative ai commenti:
-il commento deve essere attinente all'argomento trattato dall'articolo;
-mai scrivere commenti ingiuriosi e offensivi rispetto a chiunque;
-moderare il linguaggio, evitare frasi e terminologie volgari, razziste o sessiste;
-usare il buon senso: non rispondere agli attacchi personali e a chi ha l'unico scopo di disturbare e creare litigi tra gli utenti (flamer e troll), rispondere significa solo alimentare il livello di rumore;
-evitare di puntualizzare eventuali errori di sintassi o battitura in un post;
-non inserire contenuti che siano diffamanti o violino le leggi italiane e internazionali;
-evitare di usare il maiuscolo;
-evitare attacchi alla redazione e agli altri lettori;
-non commentare la modifica o l'eliminazione dei commenti (per questo è possibile inviare una mail privata a webmaster@unina.it).
La redazione si impegna a seguire il più possibile ciò; che viene pubblicato e provvederà nel più breve tempo possibile alla cancellazione di commenti scritti in violazione del regolamento.
I messaggi esprimono esclusivamente il punto di vista dell'autore del messaggio stesso. Se l'utente trovasse offensivo un messaggio inserito nel sito, è invitato a contattarci immediatamente via e-mail (webmaster@lidap.it). Nel più breve tempo possibile provvederemo a controllare il messaggio e se necessario a modificarlo o rimuoverlo.
Attraverso l'utilizzo di questo servizio l’autore del commento accetta di non inserire alcun messaggio contenente materiale evidentemente falso e/o diffamatorio, abusivo, volgare, osceno, profano, ad orientamento sessuale, lesivo verso la privacy delle persone o in alcun modo in violazione alle leggi italiane e internazionali. L’autore del commento accetta inoltre di non inserire messaggi contenenti materiale protetto da Copyright di cui non detiene i diritti.