Tu sei qui:

La voce dei protagonisti

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il teatro che cura
Lo Psicodramma Analitico nei
disturbi d'ansia e da attacchi di panico

Napoli, 15 Marzo 2011
guarda la locandina


La Voce dei Protagonisti - l'intervento del Presidente della Sezione Regionale Campania della Lidap Onlus, Vincenzo Benvenuto

 

Il Convegno si propone di affrontare il tema della cura delle sindromi ansiose, con particolare riferimento al disturbo da attacchi di panico, curate con terapie di tipo espressivo/drammatico: Psicodramma e Teatroterapia.

Negli ultimi decenni la sindrome di DAP (Disturbo da Attacco di Panico) è in crescente diffusione; negli Stati Uniti ne soffre l’1.6% della popolazione ed è presente in un quinto delle persone in psicoterapia.

Durante l’attacco di panico il soggetto attraversa una disperata esperienza di disintegrazione dell’IO, rivivendo una angosciosa regressione somatica a fasi infantili molto arcaiche. L’attacco di panico ha un così forte impatto traumatico che chi ne ha esperienza farà di tutto per evitarne il ripetersi; la vaga sensazione che possa ripresentarsi spinge a mettere in atto una serie di comportamenti evitatori di situazioni evocative del panico. Così, quasi senza accorgersene, l’individuo che ne soffre sviluppa un sistema di comportamenti che gradualmente lo portano ad una grossa limitazione della qualità della vita, fino a strutturare una vera e propria sintomatologia Agorafobica.

La sindrome di DAP, quindi, intercetta essenzialmente due problematiche, la prima connessa alla gestione dell’ansia sintomatica e la seconda legata alla paura del ripresentarsi dell’evento.

Le terapie espressive di tipo psicodrammatico sono particolarmente indicate per questo tipo di disturbi dando la possibilità, con l’ausilio di un gruppo strutturato che fa da contenitore, di affrontare la paura e riaccomodare le dinamiche d’ansia con nuovi comportamenti dotati di senso.

L’esperienza perde la sua connotazione terrifica quando, nel contesto strutturato dello Psicodramma, il riproporre l’evento angoscioso diventa una sorta di metafora giocosa. Un po’ alla volta l’ansia legata al sintomo si scioglie nella rappresentazione drammatica recitatoria.

Letto 1983 volte
Altro in questa categoria: S'à dda fà »