Tu sei qui:

NEURO-UPPER - La musica e la luce

Vota questo articolo
(0 Voti)

"Perché NEURO-UPPER? I principi teorici, i meccanismi di azione, il primo studio sperimentale"

Olimpia Pino, Dipartimento di Neuroscienze, Università di Parma
Francesco La Ragione, Microengineering, Caserta

Per informazioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Immaginate di entrare in una stanza semibuia, accomodarvi dentro un'avvolgente poltrona, indossare un cerchietto con uno strano aggeggio che si poggia sulla fronte, una cuffia e di visualizzare su una serie di grosse lampade colorate di fronte a voi come si alternano i segnali cerebrali che voi emettete continuamente grazie al miracolo della vita. E immaginate ancora che la musica che fluisce alle vostre orecchie sia in grado di modificare quelle onde visualizzate anche sul monitor del pc e di trasportarvi in una dimensione emozionale diversa dal solito dove, a volte, insieme alle lacrime riemergono ricordi apparentemente dimenticati: siete sulle ginocchia di vostro padre da bambine o è come se sentiste lì presente la fragranza del profumo che usavate da giovani, frammenti di esperienze di benessere che credevate di aver perduto per sempre. E immaginate che, in certi casi, tutto questo vi faccia superare paure e stress potenziando la vostra attività cerebrale.

Vi sembra un racconto di fantascienza? Non lo è. Ed è accaduto in quella stanza che pretenziosamente chiamiamo “Laboratorio di Psicologia Cognitiva” del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma grazie al lavoro del nostro gruppo di ricerca e alla pazienza dei volontari, tra cui diversi associati LidAP, nel contribuire ad un “esperimento”.

Il Laboratorio di Psicologia Cognitiva fa capo alla Prof.ssa Olimpia Pino del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Parma, che ha studiato per anni come le persone ricordano nella vita quotidiana e nel corso di esperienze traumatiche. Per capire come il cervello cambia in funzione dell’esperienza, si occupa pure di Brain Computer Interface (BCI) e conduce ricerche sulla funzionalità neuropsicologica nei disturbi di memoria e in diversi quadri clinici, sull’errore umano e la qualità dell’assistenza sanitaria.

Per approfondimenti leggi o scarica l'articolo in pdf  "I principi teorici, i meccanismi di azione, il primo studio sperimentale"  

  1. Stimolazione audio-visiva, autoregolazione cerebrale e benessere
  2. I segnali del cervello
  3. Neuro-Upper: tra Brain Computer Interface e neuro-feedback
  4. Che cosa è l'entrainment
  5. Perché la musica
  6. Perché i fotoni di luce
  7. Il primo prototipo e il primo studio
  8. Le prospettive
  9. Riferimenti bibliografici

 

 

Letto 3095 volte