Tu sei qui:

Che cosa è l'entrainment

Vota questo articolo
(1 Vota)

da Perché NEURO-UPPER? I principi teorici, i meccanismi di azione, il primo studio sperimentale - Olimpia Pino, Dipartimento di Neuroscienze, Università di Parma e Francesco La Ragione, Microengineering, Caserta

Per informazioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scarica il pdf dell'intero articolo

Torna indietro nell'articolo - Va avanti nell'articolo

Che cosa è l'entrtainmentIl fenomeno dell’entrainment fu rilevato per la prima volta dal fisico Christian Huygens nel 1666, che coniò il termine. Egli osservò che due orologi a pendolo posti uno vicino all’altro, assumevano esattamente lo stesso ritmo d’oscillazione. Oggi, in campo biomedico il fenomeno dell’entrainment permette di sincronizzare il ritmo degli oscillatori biologici (che possono essere di natura meccanica o elettrica) con uno stimolo esterno periodico. In ambito neuroscientifico si parla di entrainment quando le onde cerebrali mostrano un’oscillazione sovrapponibile a uno stimolo esterno pulsante visivo, uditivo o tattile. Tale sincronizzazione può avvenire con quei metodi di stimolazione cerebrale non invasiva che si rifanno alle tecniche di biofeedback e neuro-feedback: forme pulsate, che ripetono brevi eventi di stimolo a intervalli regolari, o moduli continui, che generano modelli oscillanti di stimolazione. Il genere della stimolazione può, inoltre, essere di tipo sensoriale (per lo più visiva e uditiva) o transcranica, come accade con la Risonanza Magnetica (RM) o la tomografia ad emissione di positroni (Positron Emission Tomography o PET).

Torna indietro nell'articolo - Va avanti nell'articolo

 

 

Letto 3454 volte