Stampa questa pagina

Le prospettive

Vota questo articolo
(0 Voti)

da Perché NEURO-UPPER? I principi teorici, i meccanismi di azione, il primo studio sperimentale - Olimpia Pino, Dipartimento di Neuroscienze, Università di Parma e Francesco La Ragione, Microengineering, Caserta

Per informazioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scarica il pdf dell'intero articolo

Torna indietro nell'articolo - Va avanti nell'articolo

Lo studio qui riportato e descritto in esteso altrove (Pino & La Ragione, 2016) ha molti limiti, da superare in studi successivi, e contemporaneamente apre altri interrogativi. Un primo grosso limite è rappresentato dalla mancanza di un gruppo di controllo sottoposto ad altro trattamento o a nessun trattamento. Un secondo limite consiste nel ridotto numero di partecipanti. Un terzo limite è non aver rilevato la durata degli effetti dopo la stimolazione e non essere stati in grado di evidenziare effetti sul piano neuro-biologico (es. cortisolo e acido idrossindolacetico). Altri studi dovranno indagare se l’autoregolazione persiste se il feedback è rimosso o se l’entrainment avviene anche in persone senza disturbi psicologici con lo stesso modello di aumento della capacità cognitiva. Questo studio e l’approfondimento scientifico hanno già suggerito importanti modifiche al dispositivo, come il sistema stesso di rilevazione dei segnali cerebrali scegliendo una cuffia più affidabile e precisa e la sostituzione degli effettori visivi con lampade con caratteristiche e colore regolabili. Infine, anche se è noto che il dispositivo BCI implica un apprendimento tramite condizionamento operante, tale meccanismo va studiato più a fondo anche osservando i potenziali innescati dalla stimolazione. È probabile che NU possa aiutare non solo chi soffre di disturbi psicologici ma anche chi vuole potenziare la propria attività celebrale per ottenere prestazioni più elevate potenziando attenzione, memoria e linguaggio: dal professionista che vuole migliorare l’attenzione o la memoria, agli sportivi che vorrebbero potenziare le proprie capacità spazio-temporali fino ai disturbi della sfera cognitiva ed emozionale come la Sindrome di Asperger. L’approccio di NU sembra poter ottimizzare l’efficacia della riabilitazione in termini di intensità, rapidità e durata degli effetti

Torna indietro nell'articolo - Va avanti nell'articolo

 

Letto 1570 volte