Tu sei qui:

Sostienici

Vota questo articolo
(1 Vota)

LA LIDAP TI SOSTIENE.

SOSTIENI LA LIDAP

scarica la nostra brochure

Continuano a sorprenderci il sollievo e la meraviglia che ci comunicano coloro che ci contattano per la prima volta: il sollievo di aver trovato una speranza e la meraviglia di incontrare persone con cui condividere sofferenze spesso incomprese.

Anche solo per continuare a riprodurre questi “magici” incontri, varrebbe la pena di sostenere la Lidap

Un modo per aiutare la LIDAP Onlus che .... non ti costerà nulla!

Le spese per la realizzazione dei progetti di sostegno e solidarietà, propri della nostra associazione, sono sempre superiori alle nostre concrete disponibilità, quindi siamo sempre impegnati a reperire risorse aggiuntive per mantenere e ampliare la nostra presenza nei territori. Per questa ragione vi chiediamo di sostenerci devolvendo alla nostra associazione il 5 per mille: un contributo che, pur piccolo per i singoli, può portare tanto benessere a molti.

Sostieni la Lidap devolvendo il 5 per mille, firmando nel primo riquadro in alto a sinistra dei vari modelli di dichiarazione dei redditi, nella sezione relativa al sostegno del volontariato, e inserendo il codice fiscale Lidap.

La legge finanziaria prevede per l'anno in corso la destinazione, in base alla scelta del contribuente, di una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità:

  • di sostegno del volontariato, onlus, associazioni di promozione sociale e di altre fondazioni e associazioni riconosciute
  • altre destinazioni

Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo di imposta 2009, apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (CUD 2011, 730 redditi 2010, UNICO persone fisiche 2010). È consentita una sola scelta di destinazione.

Per quanto riguarda i soggetti Onlus di cui sopra, come la nostra associazione, il contribuente deve altresì indicare il codice fiscale dello specifico soggetto cui intende destinare direttamente la quota del 5 per mille, che nel nostro caso è:

0 0 9 4 1 5 7 0 1 1 1
 

Le scelte di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille di cui alla legge n. 222 del 1985 non sono in alcun modo alternative fra loro: è possibile utilizzarle entrambe per destinare parte delle proprie imposte ad enti diversi (esempio: chiese, istituzioni, associazioni ecc.).


Se non hai l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi, puoi comunque destinare il 5 per mille consegnando gratuitamente presso un ufficio postale copia del C.U.D. (con la preferenza espressa) in una busta chiusa con la dicitura "SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE" e indirizzata alla:
Direzione Regionale della AGENZIA DELLE ENTRATE (l'indirizzo della tua regione puoi trovarlo cliccando qui).

La LIDAP, in quanto Onlus, ha presentato domanda ed è stata inserita nell'elenco dei soggetti ammessi alla destinazione della quota.

Dal 1991 la LIDAP, associazione tra pazienti ed ex pazienti, opera in campo nazionale per promuovere la solidarietà e una corretta informazione diretta alle persone che sono colpite da disturbi di ansia, agorafobia e attacchi di panico per migliorarne la qualità della vita attraverso una modalità di intervento fondata sui gruppi di auto-mutuo aiuto.

 

Grazie.

 

Letto 63088 volte

159 commenti

Lascia un commento

Regolamento e note legali per l'utilizzo dei commenti
Prima di scrivere commenti è obbligatorio leggere attentamente i termini e le condizioni di utilizzo di seguito illustrate.
I commenti sono scritti sotto la totale ed esclusiva responsabilità dell'autore che, accettando i termini di utilizzo, solleva LIDAP Onlus da ogni tipo di responsabilità. La redazione si riserva il diritto insindacabile di cancellare o modificare i commenti. E' possibile segnalare eventuali abusi dalla pagina dei contatti. In caso di abusi LIDAP Onlus potrà fornire all'autorità competente i dati utili all'identificazione dell'autore del commento. La redazione potrà bloccare dal sito l'autore di commenti offensivi o comunque scritti in violazione del regolamento. Le principali regole relative ai commenti:
-il commento deve essere attinente all'argomento trattato dall'articolo;
-mai scrivere commenti ingiuriosi e offensivi rispetto a chiunque;
-moderare il linguaggio, evitare frasi e terminologie volgari, razziste o sessiste;
-usare il buon senso: non rispondere agli attacchi personali e a chi ha l'unico scopo di disturbare e creare litigi tra gli utenti (flamer e troll), rispondere significa solo alimentare il livello di rumore;
-evitare di puntualizzare eventuali errori di sintassi o battitura in un post;
-non inserire contenuti che siano diffamanti o violino le leggi italiane e internazionali;
-evitare di usare il maiuscolo;
-evitare attacchi alla redazione e agli altri lettori;
-non commentare la modifica o l'eliminazione dei commenti (per questo è possibile inviare una mail privata a webmaster@unina.it).
La redazione si impegna a seguire il più possibile ciò; che viene pubblicato e provvederà nel più breve tempo possibile alla cancellazione di commenti scritti in violazione del regolamento.
I messaggi esprimono esclusivamente il punto di vista dell'autore del messaggio stesso. Se l'utente trovasse offensivo un messaggio inserito nel sito, è invitato a contattarci immediatamente via e-mail (webmaster@lidap.it). Nel più breve tempo possibile provvederemo a controllare il messaggio e se necessario a modificarlo o rimuoverlo.
Attraverso l'utilizzo di questo servizio l’autore del commento accetta di non inserire alcun messaggio contenente materiale evidentemente falso e/o diffamatorio, abusivo, volgare, osceno, profano, ad orientamento sessuale, lesivo verso la privacy delle persone o in alcun modo in violazione alle leggi italiane e internazionali. L’autore del commento accetta inoltre di non inserire messaggi contenenti materiale protetto da Copyright di cui non detiene i diritti.